Vai direttamente ai contenuti

Home > Vietato guidare dopo aver assunto bevande alcoliche e sotto (...)

Vietato guidare dopo aver assunto bevande alcoliche e sotto l’influenza di queste per le seguenti categorie di conducenti

Vietato guidare dopo aver assunto bevande alcoliche e sotto l'influenza di queste per:
a) i conducenti di età inferiore a ventuno anni e i conducenti nei primi tre anni dal conseguimento della patente di guida di categoria B;
b) i conducenti che esercitano l'attività di trasporto di persone (servizio di noleggio con conducente per trasporto di persone, servizio di piazza con autovetture con conducente o taxi, servizio di linea per trasporto di persone)
c) i conducenti che esercitano l'attività di trasporto di cose (servizio di trasporto di cose per conto terzi, servizio di linea per trasporto di cose, trasporto di cose per conto terzi in servizio di piazza
d) i conducenti di autoveicoli di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t, di autoveicoli trainanti un rimorchio che comporti una massa complessiva totale a pieno carico dei due veicoli superiore a 3,5 t, di autobus e di altri autoveicoli destinati al trasporto di persone il cui numero di posti a sedere, escluso quello del conducente, è superiore a otto, nonché di autoarticolati e di autosnodati.

I conducenti sopra indicati che guidino dopo aver assunto bevande alcoliche e sotto l'influenza di queste sono puniti con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 155 a euro 624, qualora sia stato accertato un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a zero e non superiore a 0,5 grammi per litro.

Nel caso in cui il conducente, nelle condizioni indicate, provochi un incidente, le sanzioni vengono raddoppiate.

Nel caso in cui venga accertato un tasso alcolemico tra 0,5 e 0,8 grammi per litro le sanzioni previste vengono aumentate di un terzo.

Nel caso in cui venga accertato un tasso alcolemico superiore a 0,8 grammi per litro le sanzioni ivi previste sono aumentate da un terzo alla metà.

Le circostanze attenuanti concorrenti con le aggravanti sopra indicate non possono essere ritenute equivalenti o prevalenti rispetto a queste. Le diminuzioni di pena si operano sulla quantità della stessa risultante dall'aumento conseguente alla predetta aggravante.