Vai direttamente ai contenuti

Home > Sanzioni per i titolari di patenti di guida rilasciate da uno Stato (...)

Sanzioni per i titolari di patenti di guida rilasciate da uno Stato estero

I cittadini stranieri, residenti in Italia da più di un anno:
- che guidano con patente rilasciata da uno Stato estero non più in corso di validità, si applicano le sanzioni previste in caso di guida senza patente.
- che pur essendo muniti di patente di guida valida, guidano con certificato di abilitazione professionale, con carta di qualificazione del conducente o con un altro prescritto documento abilitativo rilasciato da uno Stato estero non più in corso di validità, si applicano le sanzioni previste in caso di guida senza i suddetti documenti abilitativi.

Estesa a tutti i titolari di patente rilasciata da uno Stato estero (e non solo a quelli Stati dove non vige il sistema della patente a punti), che commettono sul territorio italiano violazioni di norme del Codice della Strada, l’applicazione delle norme relative alla banca dati, istituita presso il Centro elaborazione dati del Dipartimento per i trasporti terrestri del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, che è progressivamente alimentata con i dati anagrafici dei conducenti che hanno commesso infrazioni, associando a ciascuno di essi i punti di penalizzazione. Le infrazioni sono comunicate allo stesso CED dagli organi di polizia.

Coloro che hanno commesso nell'arco di un anno violazioni per un totale di almeno venti punti è inibita la guida di veicoli a motore sul territorio italiano per un periodo di due anni. Ove il totale di almeno venti punti sia raggiunto nell'arco di due anni, l'inibizione alla guida è limitata ad un anno. Ove il totale di almeno venti punti sia raggiunto in un periodo di tempo compreso tra i due e i tre anni, l'inibizione alla guida è limitata a sei mesi.

Il provvedimento di inibizione alla guida, viene emesso dal prefetto competente rispetto al luogo in cui è stata commessa l'ultima violazione che ha comportato la decurtazione di punteggio sulla base di una comunicazione di perdita totale del punteggio trasmessa dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Il provvedimento viene notificato all'interessato nelle forme previste dal Codice della Strada per la notifica delle violazioni.
Il provvedimento di inibizione è un atto definitivo. Chiunque circola durante il periodo di inibizione alla guida è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 1.842 a euro 7.369. Si applicano le sanzioni accessorie di un'ulteriore inibizione alla guida per un periodo di quattro anni e del fermo amministrativo del veicolo per un periodo di tre mesi. In caso di reiterazione delle violazioni, in luogo del fermo amministrativo, si applica la confisca amministrativa del veicolo.