Vai direttamente ai contenuti

Home > Rottamazione di autovetture o di autoveicoli per il trasporto promiscuo (...)

Rottamazione di autovetture o di autoveicoli per il trasporto promiscuo senza l’acquisto di un veicolo nuovo

In caso di rottamazione di autovetture o di autoveicoli per il trasporto promiscuo Euro 0 o Euro 1 oppure di autovetture ed autoveicoli per trasporto promiscuo di categoria EURO 2, immatricolati prima del 1 gennaio 1999, senza l’acquisto di un veicolo nuovo, è previsto un contributo pari al costo della demolizione nei limiti di € 150,00 a veicolo. Tale contributo viene anticipato dal centro di demolizione autorizzato.

Oltre al contributo legato alla demolizione, il decreto contempla anche il rimborso dell’abbonamento al trasporto pubblico locale nell’ambito del comune di residenza e di domicilio, di durata pari a tre anni, se colui che effettua la rottamazione non risulti intestatario di veicoli registrati.

In alternativa al rimborso dell’abbonamento al trasporto pubblico locale, si può chiedere un contributo di € 800,00, per aderire al servizio di car sharing (condivisione degli autoveicoli) secondo modalità definite dal Ministero dell’ambiente di concerto con i Ministri dell’economia, delle finanze e dello sviluppo economico.

Per ottenere questi vantaggi è necessario che il veicolo venga consegnato ad un demolitore autorizzato dal 1 gennaio 2007 al 31 dicembre 2008, in caso di autoveicoli per trasporto promiscuo, dal 02 febbraio 2007 al 31 dicembre 2008, per le autovetture.

E’ importante ricordare che il contributo ed il rimborso non spettano qualora si acquisti un altro veicolo nuovo o usato entro tre anni dalla data della rottamazione. In dettaglio, il rimborso spetta nell’ambito del comune di residenza e di domicilio ovvero del comune dove è ubicata la sede di lavoro.