Vai direttamente ai contenuti

Home > Persone appartenenti alle Forze dell’Ordine distintisi per attività (...)

Persone appartenenti alle Forze dell’Ordine distintisi per attività di collaborazione ai fini istituzionali dell’ACI: sicurezza stradale, educazione stradale, soluzioni per la mobilità

Dott.ssa LAURENZA Anna - Dirigente Area 3 Prefettura di Novara
Alla presenza del Prefetto di Novara S.E. dott. Francesco Paolo Castaldo
Motivazione:
In qualità di dirigente dell’area 3a della Prefettura che si occupa dell’applicazione del sistema sanzionatorio amministrativo, la dott.ssa Laurenza si è distinta, nell’ambito della sicurezza stradale, nel promuovere e concordare un’azione di coordinamento mirata a contrastare il fenomeno dell’incidentalità stradale. In particolare si è attivata, attraverso lo strumento della Conferenza provinciale permanente prevista dal D.L.vo 300/99, a dare attuazione alla cosiddetta "Direttiva Maroni", al fine di sviluppare una maggiore sinergia tra tutti i soggetti referenti in materia di sicurezza stradale e rafforzare le strategie volte a contrastare condotte di guida imprudenti, soprattutto per quanto riguarda il superamento dei limiti di velocità.
Inoltre, nell’ambito dell’autotrasporto nazionale ed internazionale, ha dato impulso ad una attività di coordinamento operativo delle azioni di controllo mirata a combattere il fenomeno dell’abusivismo, in attuazione del Protocollo d’Intesa tra Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Ministero dell’Interno.

Appuntato CIANO Claudio - Capo equipaggio del Nucleo Operativo - Aliquota Radiomobile della Compagnia di Arona
Alla presenza del Comandante Provinciale dei Carabinieri di Novara: Col. Giovanni Spirito
Motivazione:
Capo equipaggio di Aliquota Radiomobile di Compagnia, ha manifestato particolare attitudine e professionalità, eseguendo servizi dedicati al controllo ed alla sicurezza della circolazione stradale con un’azione continua ed incisiva che, nell’anno 2015, ha portato al ritiro di 85 patenti per guida in stato di ebbrezza alcolica e da stupefacenti, accertando 15 violazioni di conduzione di veicoli senza titolo ed al sequestro ai fini della confisca di 38 mezzi.

Appuntato Scelto GIUNTA Antonio - Capo equipaggio del Nucleo Operativo - Aliquota Radiomobile della Compagnia di Arona
Alla presenza del Comandante Provinciale dei Carabinieri di Novara: Col. Giovanni Spirito
Motivazione:
Capo equipaggio di Aliquota Radiomobile di Compagnia, ha manifestato particolare attitudine e professionalità, eseguendo servizi dedicati al controllo ed alla sicurezza della circolazione stradale con un’azione continua ed incisiva che, nell’anno 2015, ha portato al ritiro di 80 patenti per guida in stato di ebbrezza alcolica e da stupefacenti, accertando 10 violazioni di conduzione di veicoli senza titolo ed al sequestro ai fini della confisca di 32 mezzi.

Brigadiere Capo GAMBARO Giovanni Massimo - Addetto al Nucleo Operativo - Aliquota Radiomobile della Compagnia di Novara
Alla presenza del Comandante Provinciale dei Carabinieri di Novara: Col. Giovanni Spirito
Motivazione:
Cultore della materia, iscritto ad associazioni di categoria per la discussione e trattazione della normativa stradale, ha svolto l’incarico rivelandosi punto di sicuro affidamento per colleghi e superiori dell’Arma dei Carabinieri nonché per i corrispondenti omologhi delle altre Forze di Polizia ed Enti Amministrativi che si occupano dell’infortunistica stradale e della regolamentazione tecnico-amministrativa di cui al DecretoLegislativo 30 aprile 1992, nr. 285.

Assistente della Polizia di Stato: SEPE Francesco - Capo Pattuglia della Volante Uno
Alla presenza del Commissario Capo Claudio Cappelli Dirigente Ufficio Volanti di Novara
Motivazione:
Durante l’attività di perlustrazione e di controllo del territorio finalizzata alla prevenzione e repressione dei reati ed al soccorso pubblico, l’Assistente della Polizia di Stato Francesco SEPE, unitamente al Suo autista, Agente della Polizia di Stato Stefano Lauri, nel transitare nell’area di parcheggio esterna all’Ospedale Maggiore della Carità, sito in Largo Bellini, notava la presenza di un uomo che facilitava la sistemazione dei veicoli, indicando i posti liberi ed agevolando con segnalazioni manuali le manovre di parcheggio.
L’uomo, un cittadino marocchino quarantaduenne, tentava di eludere il controllo di polizia, ma veniva prontamente bloccato dall’equipaggio della Volante che, nell’invitarlo ad interrompere l’esercizio abusivo dell’attività di parcheggiatore, procedeva a sanzionarlo ai sensi dell’art. 7, comma 15-bis, Cds, e contestualmente ne sequestrava il profitto dell’attività illecita per un ammontare pari ad Euro 40,00 circa suddivisi soprattutto in monete di differente valore.
L’attività portata a termine dall’Assistente SEPE suscitava l’approvazione da parte della cittadinanza per aver interrotto una condotta illecita che ingenerava forte disapprovazione degli automobilisti. 

Ispettore Capo della Polizia di Stato: PAPA Michele - Comandante della Sottosezione Polizia Stradale di Romagnano Sesia
Alla presenza del Vice Questore aggiunto dott.ssa Luciana Giorgi
Motivazione:
L’ispettore Capo di P.S. PAPA Michele, Comandante della sottosezione Polizia Stradale di Romagnano Sesia, dopo 35 anni di onorata carriera e quasi 5 anni di Comando della Sottosezione, è ormai giunto al traguardo della pensione. Durante tutta la carriera, molteplici sono stati gli interventi effettuati, ma uno in particolare e piuttosto recente, merita un’attenzione particolare.
Verso le ore 18,05 del 25 maggio 2015, sull’autostrada A26/A8 DIR, all’altezza della progressiva chilometrica 18+900, territorio del Comune di Borgoticino (NO), si verificava un gravissimo incidente stradale nel quale perdevano la vita due giovani coniugi, genitori di due gemellino di 3 anni anch’essi a bordo del veicolo e miracolosamente rimasti illesi, ma purtroppo orfani di entrambi i genitori.
Stante la gravità del fatto sul posto interveniva, oltre alle pattuglie in servizio di vigilanza stradale, anche il Comandante del Reparto, Ispettore Capo PAPA Michele, il quale, senza indugio, assumeva la direzione dei meticolosi rilievi del caso, accertando che, verso le ore 18.05, il veicolo si trovava a percorrere la A26/A8 DIR, IN DIREZIONE Sempione - Milano, condotto dalla proprietaria, con a bordo il marito ed i due gemellini di tre anni, ognuno regolarmente assicurato sul seggiolino debitamente ancorato ai sedili posteriori.
La conducente, verosimilmente a causa di una distrazione, perdeva il controllo del veicolo fuoriuscendo dalla sede stradale. In questo frangente la conducente ed il marito venivano sbalzati fuori dal veicolo finendo sul piano viabile, ove perdevano la vita.
Il comandante PAPA Michele, grazie all’esperienza acquisita negli anni ed alle spiccate doti investigative, dalle lesioni riscontrate sui corpi esamini, riusciva ad accorgersi che entrambi, quando si trovavano sul piano viabile, erano stati investiti da un veicolo, il cui conducente si dava alla fuga, omettendo anche di prestare soccorso.
Grazie alle testimonianze raccolte, all’esame delle telecamere posizionate lungo il tratto interessato e dall’analisi dei tabulati telefonici, nei giorni seguenti, giungeva all’individuazione di un autobus ed in breve tempo addiveniva all’identificazione del conducente accertando che lo stesso, al momento dei fatti, con a bordo una scolaresca in gita, subito dopo l’investimento arrestava il veicolo condotto poco distante in corsia di emergenza; sceso in strada per constatare quanto accaduto, dopo una decina di minuti si allontanava dal luogo, senza lasciare traccia.
Presso la sede della ditta intestataria, sull’autobus, nonostante fosse stato lavato, oltre che i danni materiali, riscontrava la presenza di peli/capelli fra i lembi della rottura del paraurti; controllando il sottoscocca erano evidenti le tracce di materiale biologico costituito da tessuti e frammenti di ossa e ancora formazioni pilifere che inequivocabilmente riconducevano ai fatti dell’investimento, come anche accertato dalla Polizia Scientifica intervenuta successivamente. 

Maresciallo Capo Armando MAROTTA- Comandante del Nucleo Mobile della Compagnia di Novara della Guardia di Finanza
Alla presenza del Comandante Provinciale della Guardia di Finanza di Novara Colonnello dott. Giovanni Casadidio
Motivazione:
Comandante del Nucleo Mobile della Compagnia di Novara della Guardia di Finanza, ha profuso costantemente un elevatissimo impegno nel comprendere ed analizzare ogni particolare della complessa realtà socio-economica della provincia di Novara, nonché dei fenomeni criminali ordinariamente presenti in tale contesto, curando con continuità l’adeguamento dei dispositivi di contrasto e controllo, con particolare riferimento ai servizi finalizzati al controllo del territorio attuati mediante l’impiego delle pattuglie in servizio "117".
Particolare impegno, nel dettaglio, ha profuso riguardo alle attività di educazione stradale nelle scuole e di controllo della rete viaria novarese, a tutela degli utenti della strada.

Polizia Municipale di Novara: Agente di Polizia Locale GIAMPIETRO Alessandra
Alla presenza del Consigliere Comunale Brivitello Roberto
Motivazione:
Per l’attività svolta nell’ambito del Progetto di "Educazione alla sicurezza Stradale" rivolto alle classi quinte delle scuole primarie all’interno del quale si è svolto un percorso di formazione e di riflessione sul tema centrale della "Sicurezza" e della "Consapevolezza", avendo come punto di riferimento la vita propria e degli altri quale valore più grande ed irrinunciabile. Lo stesso tema viene ripreso, in modo ancora più toccante, con il "Progetto Vita" di Alessio Tavecchio della Fondazione Alessio Tavecchio onlus, mediante l’incontro dello stesso con le classi terze delle scuole secondarie di primo grado, grazie anche al contributo dell’Automobile Club Novara.

Croce Rossa Italiana
Ritira il Premio il Consigliere di Comitato Sig. Alberto Verni
A testimonianza dell’impegno quotidiano degli appartenenti alla Croce Rossa Italiana e dei numerosi volontari.