Vai direttamente ai contenuti

Home > Modifiche alla tabella di perdita dei punti

Modifiche alla tabella di perdita dei punti

a) - 3 punti per chi supera di oltre 10 km/h e di non oltre 40 km/h i limiti massimi di velocità
b) - 6 punti per chi supera di oltre 40 km/h, ma di non oltre 60 km/h i limiti massimi di velocità
c) - 10 punti per chi supera di oltre 60 km/h
d) – 2 punti per chi viola oltre il 10 per cento del limite giornaliero massimo di durata dei periodi di guida degli autoveicoli adibiti al trasporto di persone o di cose
e) – 5 punti per chi viola oltre il 10 per cento del tempo minimo di riposo prescritto per la guida degli autoveicoli adibiti al trasporto di persone o di cose
f) – 10 punti per chi viola oltre il 20 per cento del limite giornaliero massimo di durata dei periodi di guida, ovvero minimo del tempo di riposo prescritti, per la guida degli autoveicoli adibiti al trasporto di persone o di cose
g) – 1 punto per chi viola oltre il 10 per cento del limite massimo di durata dei periodi di guida settimanale prescritti per la guida degli autoveicoli adibiti al trasporto di persone o di cose
h) – 3 punti per chi viola oltre il 10 per cento del limite minimo dei periodi di riposo settimanale prescritti per la guida degli autoveicoli adibiti al trasporto di persone o di cose
i) - 2 punti per chi viola oltre il 20 per cento del limite giornaliero massimo di durata dei periodi di guida per la guida degli autoveicoli adibiti al trasporto di persone o di cose
j) - 5 punti per chi viola oltre il 20 per cento del limite giornaliero minimo del tempo di riposo prescritto per la guida degli autoveicoli adibiti al trasporto di persone o di cose
k) - 2 punti per il conducente che durante la guida degli autoveicoli adibiti al trasporto di persone o di cose non rispetta le disposizioni relative alle interruzioni di cui al regolamento CE n. 561/2006
l) - 2 punti per i seguenti conducenti che guidino dopo aver assunto bevande alcoliche: conducenti di età inferiore a ventuno anni e i conducenti nei primi tre anni dal conseguimento della patente di guida di categoria B, i conducenti che esercitano l'attività di trasporto di persone, i conducenti che esercitano l'attività di trasporto di cose, i conducenti di autoveicoli di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t, di autoveicoli trainanti un rimorchio che comporti una massa complessiva totale a pieno carico dei due veicoli superiore a 3,5 t, di autobus e di altri autoveicoli destinati al trasporto di persone il cui numero di posti a sedere, escluso quello del conducente, è superiore a otto, nonché di autoarticolati e di autosnodati.
Tale disposizione entra in vigore il giorno successivo a quello della pubblicazione della riforma del Codice della Strada nella Gazzetta Ufficiale.
m) - 2 punti per chi usufruisce senza avere l'autorizzazione prescritta o faccia uso improprio delle strutture per la circolazione e la sosta dei veicoli al servizio delle persone invalide che gli enti proprietari della strada sono tenuti ad allestire e mantenere
n) –8 punti per i conducenti che non si fermano quando:
- i pedoni transitano o si accingono ad attraversare sugli attraversamenti pedonali, quando il traffico non è regolato da agenti o da semafori
- svoltano per inoltrarsi in un'altra strada al cui ingresso si trova un attraversamento pedonale, quando ai pedoni non sia vietato il passaggio
o) –4 punti per i conducenti che, su strade sprovviste di attraversamenti pedonali, non consentano al pedone, che abbia già iniziato l'attraversamento, impegnando la carreggiata, di raggiungere il lato opposto in condizioni di sicurezza
p) –8 punti per i conducenti che non si fermano quando una persona invalida con ridotte capacità motorie o su carrozzella, o munita di bastone bianco, o accompagnata da cane guida, o munita di bastone bianco-rosso in caso di persona sordocieca,o comunque altrimenti riconoscibile, attraversa la carreggiata o si accinge ad attraversarla, prevenendo situazioni di pericolo che possano derivare da comportamenti scorretti o maldestri di bambini o di anziani, quando sia ragionevole prevederli in relazione alla situazione di fatto.