Vai direttamente ai contenuti

Home > Notizie ed eventi > La preventiva segnalazione dei dispositivi di rilevamento della velocità si (...)

La preventiva segnalazione dei dispositivi di rilevamento della velocità si riferisce anche a quelli in movimento

16.11.2017

L’art. 142 del Codice della Strada, al comma 6 e 6 bis, stabilisce che “Per la determinazione dell’osservanza dei limiti di velocità sono considerate fonti di prova le risultanze di apparecchiature debitamente omologate, anche per il calcolo della velocità media di percorrenza su tratti determinati, nonché le registrazioni del cronotachigrafo e i documenti relativi ai percorsi autostradali, come precisato dal regolamento. Le postazioni di controllo sulla rete stradale per il rilevamento della velocità devono essere preventivamente segnalate e ben visibili, ricorrendo all’impiego di cartelli o di dispositivi di segnalazione luminosi, conformemente alle norme stabilite nel regolamento di esecuzione del presente codice”.
A dicembre del 2015, la Polizia Locale del Comune di Feltre aveva comminato una multa per “eccesso di velocità”, rilevando la velocità con un autovelox installato a bordo di un veicolo della Polizia Locale rilevato da una postazione di rilevamento in movimento, denominata “Scout speed”. 
Lo Scout Speed è un dispositivo elettronico che permette di accertare le violazioni relative al superamento dei limiti di velocità, sia nel caso in cui gli agenti si trovino ad inseguire l’autovettura bersaglio, sia nel caso in cui quest’ultima venga incrociata frontalmente dalla pattuglia. 
L’automobilista aveva fatto ricorso ed il Giudice di Pace di Belluno, il quale pronunciandosi in primo grado, aveva accolto l’impugnazione proposta dal conducente, poiché la Polizia Locale non avrebbe assolto all’obbligo di segnalazione preventiva della postazione di rilevamento della velocità.
Il Tribunale di Belluno con la sentenza n. 535 del 12 ottobre 2017 ha rigettato l’impugnazione proposta dal Comune di Feltre alla pronuncia del Giudice di Pace, poiché non è derogabile il principio generale di preventiva informazione degli automobilisti della presenza di dispositivi di controllo, anche nel caso di utilizzo di strumenti di controllo in movimento.