Vai direttamente ai contenuti

Home > Notizie ed eventi > LA REGIONE PIEMONTE STA RECUPERANDO LE TASSE AUTOMOBILISTICHE 2012 E (...)

LA REGIONE PIEMONTE STA RECUPERANDO LE TASSE AUTOMOBILISTICHE 2012 E 2013

12.06.2015

La tecnologia evolve a passi da gigante, eppure sono ancora tanti coloro che dimenticano di pagare la tassa automobilistica a seguito della scadenza. I sistemi di pagamento sono sempre più precisi, ma in caso di dimenticanza, o erronea dichiarazione dei dati fiscali, inevitabilmente risulta nell’archivio una tassa pagata difforme da quella dovuta.

Tra il 2012 ed il 2013 in Piemonte sono stati riscossi 1.593.225 bolli, precisamente 739.904 nel 2012 e 853.321 nel 2013. In provincia di Novara le riscossioni sono state 72.949 nel 2012 e 84.313 nel 2013, mediamente circa il 10% del totale regionale.

La notizia di questi giorni è che la Regione Piemonte sta spedendo oltre 450.000 lettere, relative a pagamenti per gli anni 2012 e 2013, per autovetture e motoveicoli, difformi rispetto al dovuto.

Se in sé la notizia è sgradevole (soprattutto per chi ha pagato e constata che qualcun altro non lo ha fatto), la nota positiva è che le lettere contengono avvisi bonari, a cui il contribuente potrà fare riferimento per pagare i bolli senza aggravi di spesa, salvo le sanzioni e gli interessi previsti dalla legge e specificati in ciascuna comunicazione: in questo modo la Regione, ente titolare del tributo, evita di gravare di ulteriori spese coloro che per errore o dimenticanza hanno pagato alla scadenza meno del dovuto, se rimediano tempestivamente, recandosi a versare le somme richieste. A tale proposito è disponibile il pagamento del bollo, anche se in ritardo, con moneta elettronica (Bancomat).

Se invece il contribuente, nonostante l’avviso, ometterà di pagare o contestare l’errore, seguirà un vero e proprio accertamento, con oneri maggiorati.

In tali circostanze le Delegazioni dell’ACI, convenzionate con la Regione Piemonte, consentono ai contribuenti di controllare sui documenti di circolazione ed a terminale i dati fiscali (es. regione di residenza del contribuente, potenza del veicolo, ecc.), prima di effettuare il pagamento della tassa automobilistica, in maniera tale da essere certi di non pagare più del dovuto o, peggio ancora, pagare due volte, magari per un errore nell’indicazione della targa.

Tale servizio, sempre gratuito perché in convenzione con la Regione, è disponibile presso le Delegazioni di Arona, Borgomanero, Castelletto Sopra Ticino, Galliate, Novara, Oleggio, Romagnano Sesia, San Pietro Mosezzo, Trecate. In più i Soci ACI possono chiedere, sempre gratuitamente, il servizio di rinnovo automatico in conto corrente della Tassa Automobilistica: con un simile, semplicissimo accorgimento, il rischio di essere raggiunti dagli avvisi di accertamento viene eliminato completamente.