Vai direttamente ai contenuti

Home > Casi in cui il pagamento in misura ridotta non è consentito

Casi in cui il pagamento in misura ridotta non è consentito

Il pagamento in misura ridotta è non consentito quando il trasgressore non abbia ottemperato all'invito a fermarsi ovvero, trattandosi di conducente di veicolo a motore, si sia rifiutato di esibire il documento di circolazione, la patente di guida o qualsiasi altro documento che deve avere con sé. In tal caso il verbale di contestazione della violazione deve essere trasmesso al prefetto entro dieci giorni dall'identificazione.

Il pagamento in misura ridotta non è, inoltre, consentito per le seguenti violazioni:
- chi adibisce ad uso proprio per trasporto di cose un veicolo senza il titolo prescritto o viola le prescrizioni o i limiti contenuti nella licenza
- chi adibisce al trasporto di cose per conto terzi veicoli non adibiti a tale uso o viola le prescrizioni e i limiti indicati nell'autorizzazione o nella carta di circolazione
- chi circola con un ciclomotore munito di targa non propria
- chi circola con un veicolo munito di targa non propria o contraffatta
- chi viola le disposizioni in tema di targhe delle macchine agricole
- chi viola le disposizioni in tema di circolazione su strada delle macchine operatrici
- chi guida autoveicoli o motoveicoli senza aver conseguito la patente di guida o con patente revocata o non rinnovata per mancanza dei requisiti previsti
- chi guida macchine agricole o macchine operatrici senza essere munito della patente
- a chi, trascorso oltre un anno dal giorno dell'acquisizione della residenza in Italia, guida con patente rilasciata da uno Stato estero non più in corso di validità
- chi trasporta merci pericolose senza regolare autorizzazione, quando sia prescritta, ovvero non rispetta le condizioni imposte, a tutela della sicurezza, negli stessi provvedimenti di autorizzazione
- chi, sulle carreggiate, sulle rampe e sugli svincoli, inverte il senso di marcia e attraversa lo spartitraffico, anche all'altezza dei varchi, nonché percorre la carreggiata o parte di essa nel senso di marcia opposto a quello consentito
- chi, durante il periodo in cui il documento di circolazione è ritirato, circola abusivamente con lo stesso veicolo cui il ritiro si riferisce ovvero guida un veicolo quando la patente gli sia stata ritirata
- chi, durante il periodo di sospensione della carta di circolazione, circola abusivamente con lo stesso veicolo
- chi, durante il periodo di sospensione della validità della patente, circola abusivamente, anche avvalendosi del permesso di guida, in violazione dei limiti previsti dall'ordinanza del prefetto con cui il permesso è stato concesso.
Per tali violazioni il verbale di contestazione viene trasmesso al prefetto del luogo della commessa violazione entro dieci giorni.